Al fine di fornire la migliore esperienza online questo sito utilizza i cookies. Utilizzando il nostro sito, l'utente accetta il nostro utilizzo da parte dei cookie. 

Slow Festival: consegnato il “Premio al Giornalismo di Viaggio” alla trasmissione “Alle falde del Kilimangiaro”

Lo “Slow Festival elogio alla lentezza” continua il suo percorso e si susseguono via via i diversi eventi in programma tra i quali la consegna del “Premio al Giornalismo di Viaggio” che lo scorso anno è stato conferito al National Geographic Italia, prestigiosa rivista di divulgazione scientifica, acoronamento di una “filosofia del viaggio” che anima la rivista fin dalla sua fondazione.

In questa edizione del 2012 la scelta degli organizzatori del Festival è caduta su un altro mezzo di comunicazione cioè la televisione ed in particolare su una trasmissione televisiva particolarmente legata alla natura ed al viaggio quale è “Alle falde del Kilimangiaro” ideato e condotto da Licia Colò. Un programma che costituisce un appuntamento imperdibile per chi ama viaggiare perché puntata dopo puntata riesce ad accompagnare i suoi spettatori alla scoperta di luoghi sempre nuovi in giro per il mondo, ma anche attraverso la nostra penisola sempre mossi dall'intento di conoscere culture e tradizioni diverse dalla proprie.

La trasmissione si avvale della collaborazione di esperti professionisti che ne garantiscono l'ottima qualità sia in termini di contenuti che in termini di immagini. Tra questi una figura di rilievo è il calabrese Domenico Gambardella che dal 2004 firma la regia dei filmati e che nell'occasione ha ritirato il premio dalle mani dell'Assessore al Turismo della Provincia di Cosenza, Pietro Lecce nel corso di un interessante tavola rotonda dal titolo “Il progetto di storytelling per la promozione turistica della provincia di Cosenza” che ha raccolto il consenso e l'attenzione del numeroso pubblico presente. Questa in breve la motivazione del premio alla trasmissione: per l'impegno professionale profuso nella ricerca e nella divulgazione di tematiche inerenti la natura e l'ambiente e soprattutto per il suo contributo alla diffusione di una cultura del viaggio consapevole, rispettosa dell'ambiente, dei popoli e delle identità locali.